Visita oculistica al bambino

La primissima visita oculistica viene di solito effettuata dal neonatologo nei primi giorni di vita prima di lasciare il reparto maternità. Questa visita, ha lo scopo di constatare la presenza di lesioni oculari macroscopiche e gravemente invalidanti la vista o a volte la vita del piccolo.

In assenza di problematiche importanti, precedentemente riscontrate, in linea generale il bambino andrebbe sottoposto a visita oculistica completa all’età di tre anni. Il bambino va preparato dai propri genitori ad affrontare con tutta tranquillità la sua prima visita oculistica.

La visita va prospettata come un gioco in cui il bambino dovrà guardare tante lucine, pupazzetti e riconoscere simboli come pesce, sole, ombrello etc. In età di 4-5 anni sarebbe necessario insegnare al bambino la lettera  insegnandogli a posizionare le estremità della lettera verso l’alto, il basso, destra e sinistra.

Qualora si sospetti un difetto visivo, sarà necessario ricontrollare il bambino dopo la prescrizione di un collirio a base di Atropina da instillare i tre giorni precedenti la nuova visita oculistica. Il collirio ha la funzione di bloccare l’accomodazione e consentire la corretta diagnosi e correzione del difetto visivo.

Avere un difetto visivo e dover mettere gli occhiali, non significa avere un figlio malato!!!! Significa semplicemente dover correggere un banale difetto di vista con un paio di lenti. Oggi tutti i bambini sono entusiasti di indossare un paio di lenti dalle forme e colori accattivanti. Il vero problema, a volte, sono i genitori che rifiutano tale situazione, creando gravi problemi di recupero visivo ai propri figli.  

© Copyright michelerinaldi.net - All Rights Reserved. P.I. 07384151218
QualityJoomlaTemplates.com